Come funziona il THC?

Published :
Categories : Altre materieMarijuana Medica

Come funziona il THC?

Sono molte le persone che associano il THC con la marijuana, ma cos’è esattamente il THC? Il nome scientifico è tetraidrocannabinolo, si pensa che la sua unica funzione sia quella di creare l’high fornito dalla cannabis, ma c’è molto di più da sapere.

Il THC è solo uno dei diversi elementi che si possono trovare nella cannabis, che possono venire racchiusi nell’insieme dei cannabinoidi. Nonostante il numero impressionante di elementi che si possono trovare, il THCe il CBD sono i due più conosciuti e solitamente sono quelli con la più alta concentrazione in marijuana per scopi di svago o terapeutici. 

Questi elementi vengono espulsi dalle ghiandole posizionate negli organi riproduttivi della pianta e li puoi vedere in forma di resina cristallina che copre le gemme e le foglie delle piante di cannabis matura. Chimicamente il THC colpisce i ricettori del cervello e stimola il rilascio di dopamina, la sostanza che è responsabile della sensazione di euforia che condiziona il livello di high di una persona. Questi ricettori cannabinoidi sono posizionati nell’area del cervello adibita al piacere, la coordinazione, i riflessi, la memoria il pensiero.

THC e il cervello

 

Ma il THC può anche avere degli effetti negativi perché interferisce con il trattamento delle informazioni nell’ippocampo che è la zona del cervello responsabile della formazione di nuovi ricordi. Ricerche hanno mostrato che il THC è anche la causa di diversi stati confusionali e di allucinazioni. Può anche colpire le capacità motorie che rischiano di rimanere alterate per diverse ore dopo che la sensazione di high è terminata e quindi anche le capacità di guida possono essere ridotte.

L'impiego medicinale

I ricettori cannabinoidi sono posizionati anche in altri parti del corpo e quindi oltre all’impatto psicoattivo il THC può anche aiutare ad alleviare il dolore e altri sintomi di malesseri. Pazienti malati di cancro possono usarlo contro la nausea e la perdita di appetito durante la fase di chemioterapia, aiutare ad alleviare dolori neuropatici che possono nascere dal diabete o dalla chemioterapia. Gli agenti chimici della cannabis si dice che aiutino a fermare l’evoluzione del cancro alla prostata, ad alleviare l’emicrania e curare la depressione e l’ansia in alcune persone.
Marijuana Medical

 

Il dibattito sull’uso della marijuana per scopi terapeutici per alleviare dolore e curare malattie continua, anche ora che sono sempre di più gli stati statunitensi che stanno legalizzandola e sono sempre di più i dati che mostrano i suoi benefici. È assurdo che sono ancora molti i luoghi in cui la marijuana è illegale, ma in cui il THC sintetizzato può essere usato come medicina prescritta per curare diversi sintomi che potrebbero essere curati anche da marijuana per scopi terapeutici. La FDA ha approvato una medicina chiamata Marinol che non è altro che una versione sintetica del THC prescritta a pazienti che hanno nausea o conati di vomito durante la chemioterapia, il Sativex che è uno spray a base di THC e CBD prescritto per i dolori derivanti da cancro e per problemi di vescica, dolori e disturbi spastici causati dalla Sclerosi multipla.