7 Modi per Allontanare i Parassiti dalle Piante di Cannabis

Published :
Categories : Coltivazione di cannabis

7 Modi per Allontanare i Parassiti dalle Piante di Cannabis

Non arrivare a combattere una resistenza disperata contro l'invasione di parassiti inarrestabili. Proteggi le tue colture di Cannabis con le nostre 7 semplici contromisure per arrestare un'infestazione di parassiti prima ancora che inizi. Assicurati che la tua Cannabis sopravviva dalla semina al raccolto.

La Cannabis è una specie vegetale alquanto forte e resistente. Tuttavia, se il coltivatore non prende le giuste precauzioni, anche i ceppi più robusti possono essere infestati da una pletora di parassiti.

Fortunatamente, quando si tratta di difendere le proprie piante, un coltivatore può mostrare il suo lato più combattivo. Con questi 7 passi per il controllo dei parassiti, anche la tua coltivazione di Cannabis uscirà indenne dai loro attacchi.

PREPARA UN AMBIENTE COLTURALE PULITO E STERILE

I coltivatori, sia indoor che outdoor, dovrebbero sempre usare substrati colturali e vasi sterili. Questo significa acquistare sacchi di terriccio e/o cocco e perlite in un negozio specializzato. I tuoi vasi non devono necessariamente essere nuovi di zecca, ma devono essere accuratamente puliti prima di seminarvi i preziosi semi di Cannabis. Riutilizzare un substrato colturale è altamente rischioso.

La semina diretta nel terreno va bene a patto di verificare che il pH e il drenaggio siano entrambi ottimali per la coltivazione della Cannabis. In caso contrario, spendi qualche euro per procurarti alcuni vasi di plastica e sacchi di terriccio di qualità. Non lasciare al caso il successo del tuo raccolto di marijuana.

I coltivatori che scelgono di coltivare indoor all'interno di un Grow Box, devono sterilizzare accuratamente il suo rivestimento interno e il pavimento dopo ogni raccolto. Dell'acqua calda saponata e un panno saranno sufficienti. Questo passo è particolarmente importante per le coltivazioni idroponiche.

Accertati di pulire serbatoi e tubi con un prodotto specifico per la pulizia per evitare che l'armadio di coltivazione diventi terreno fertile per funghi e microrganismi dannosi.

TIENI LONTANI GLI INSETTI CON L'AERAZIONE

Nelle coltivazioni indoor, un trucco semplice per ostacolare efficacemente il tentativo degli insetti di occupare il tuo armadio è quello di installare alcuni ventilatori in posizioni strategiche.

Un buon flusso d'aria è essenziale per il successo di una coltura di Cannabis ed una leggera brezza saprà rapidamente rimuovere eventuali insetti striscianti e alati pronti ad atterrare e a muoversi sulle foglie delle vostre piante. Le mosche non possono colonizzare ciò che non possono toccare, quindi spazzale via con un buon getto d'aria.

Nelle coltivazioni outdoor questo piano è più difficile da realizzare, ma così come fanno per le ore di luce solare, i coltivatori devono saper sfruttare i venti e cercare di convogliare le brezze verso le colture, come una difesa naturale dai parassiti. Inoltre, una brezza leggera contribuisce a rafforzare le piante di Cannabis e le rende più solide.

SILICIO LIQUIDO NELLA CONCIMAZIONE DELLE PIANTE

L'aggiunta di un po' di silicio liquido al tuo programma di concimazione è un ottimo modo per proteggere le piante di Cannabis, a prescindere dal metodo e dall'ambiente di coltivazione. Non è possibile eccedere con il silicio, quindi non temere un sovradosaggio per le piante, tieni d'occhio solo il pH ed elargisci generosamente.

Il silicio liquido inspessisce le pareti cellulari e, in generale, rafforza le piante di cannabis. Una coltivazione di marijuana sana, robusta e vigorosa è meno vulnerabile a parassiti e malattie e ha una maggiore possibilità di recuperarsi se colpita.

INTRODURRE FUNGHI BENEFICI

L'invasione di parassiti più difficile da combattere è quella che non si può vedere; infatti, nel tempo che tu impieghi ad accorgerti che la tua coltura di Cannabis è in pericolo, il nemico ha già pianificato il suo attacco. I funghi sono i primi sospettati quando si verificano problemi di ogni tipo, dal marciume radicale a quello delle cime.

L'inoculazione di micorrize e altri microbi benefici non solo manterrà le radici in buona salute, ma le renderà anche più forti per resistere all'attacco di eventuali invasori.

SPRUZZARE OLIO DI NEEM

L'olio di Neem è un insetticida biologico molto efficace che può essere miscelato in una soluzione e spruzzato sulle piante di Cannabis durante la crescita vegetativa come un concime fogliare. A differenza di molti insetticidi chimici, l'olio di neem non uccide gli insetti al contatto, interferisce invece con la loro capacità di riprodursi e colonizzare all'interno di una coltura.

L'applicazione di olio di neem è una misura preventiva che non costa molto e dà serenità ai coltivatori. Alcune dosi di soluzione di olio di neem garantiscono un'ottima copertura contro le infestazioni.

COSTRUISCI RECINZIONI PER TENERE LONTANI GLI ANIMALI

Al chiuso, una piantagione può essere facilmente messa in quarantena in una camera da letto. All'aperto, invece, i coltivatori outdoor e guerrilla si devono preoccupare di tutti i minuscoli parassiti, ma anche degli animali pelosi a quattro zampe. La rete da pollaio può essere facilmente modellata per ottenere efficaci barriere, recinzioni e gabbie per piante.

A roditori, cervi e qualsiasi altra cosa sia in agguato nei boschi, deve essere impedito di entrare in contatto con le piante di Cannabis. Costruisci una difesa verticale ed utilizza materiali da recinzione più forti per i potenziali ruminanti più grandi.

TIENI LONTANI I "PARASSITI" A DUE GAMBE

I parassiti più pericolosi sono i ladri ed i curiosi che camminano su due gambe. "Taci, il nemico ti ascolta!"; è questo il miglior atteggiamento da tenere quando si coltiva marijuana. Una piantagione nascosta ha molte meno probabilità di essere disturbata da terzi rispetto ad una piantagione di marijuana conosciuta da amici e conoscenti.

L'accesso allo spazio di coltivazione, indipendentemente dal fatto che sia al chiuso o all'aria aperta, dev'essere limitato esclusivamente al coltivatore. All'aperto, edera velenosa e ortiche sono ottimi deterrenti naturali che aiutano a scoraggiare i più curiosi escursionisti di campagna.

In coltivazioni indoor, le cantine e le camere possono essere tenute chiuse a chiave e, per eliminare gli odori che potrebbero sprigionarsi durante la crescita, sarà sufficiente l'utilizzo di filtri ai carboni attivi.

Ora sei armato fino ai denti grazie a queste 7 semplici misure preventive per fermare i parassiti che possono penetrare nella tua coltivazione di Cannabis. Il controllo dei parassiti è il tipo di guerra che non vorresti mai dover combattere all'interno di una coltura di marijuana.

Impedisci ai parassiti l'accesso alla coltivazione fin dal momento della germinazione dei tuoi semi di Cannabis e riuscirai ad arrivare al raccolto senza mai dover affrontare il nemico.